5 gennaio 2012

Caro, io so già tutto -quello che da me va verso te- 
ma per molte cose è ancora troppo presto. 
C'è qualcosa, in te, che deve ancora abituarsi a me.

Marina Cvetaeva a Rainer Maria Rilke,
lettera del 13 maggio 1926.

****

Ci sono giorni in cui mi esplode di te il pensiero
come questa musica pazza quando impazzisce
ed io, folle, divento cattiva. 
Ma.
La paura non conosce i nostri visi, non temere.



13 commenti:

  1. lascia che siano le storie a comporsi come soffici passi di danza presi in prestito alla neve....
    buon anno apetta!
    greamer

    RispondiElimina
  2. Questo nuovo spazio mi piace di più, lineare e chiaro... conosco il pensiero di cui parli, è quello che risveglia l'anima assonnolita. La agita e la rende viva. Auguri in ritardo ape :)

    RispondiElimina
  3. a me invece danno l'orticaria i brani dei Beatles, anche fossero cantati da David Byron o Grace Slick, per così dire... lo giuro, li aborro fin da bambino e non so nemmeno perché

    RispondiElimina
  4. https://fbcdn-sphotos-a.akamaihd.net/hphotos-ak-snc7/404779_2914105979272_1459360183_3914418_15775541_n.jpg

    RispondiElimina
  5. Benvenuta in blogspot!

    Qui non si possono mettere foto nei commenti ma, concordo con Maraptica, qui è più luminoso :)

    RispondiElimina
  6. ..entrambe arrivano dritte, colpiscono e creano "scompensi"...
    ma non è la follia..
    quella ridona equilibrio..

    un abbraccio stretto..
    m.

    RispondiElimina
  7. greamer, e poi... stelle alpine...
    Buon anno a te, greamette*



    Maraptica, si vibra... e si ascolta il suono. La musica della neve.
    Buon anno in puntuale ritardo ;)



    movingooh, heyyyy Reeeexxx ahahahah. I Beatles fanno tanto British e precisini, però la voce della tipa mi piaceva troppo!

    RispondiElimina
  8. under, bella bella bella... il riflesso del mare sul corpo!



    baol, hai visto? Alla fine son tornata alle origini! Avete ragione sulla luminosità :)



    Moni, frr frrrr la follia mi fa le fusa! :-)
    Un abbraccio***

    RispondiElimina
  9. c'è cattiveria e cattiveria. e quella dell'apeimpazzita è una cattiveria straordinariamente affascinante.
    :*

    RispondiElimina
  10. la paura conosce tutto e tutti, ma evidentemente sa anche da chi deve tenersi lontana ;)

    RispondiElimina
  11. Evita, tu si ce te n intendi! :))
    :*

    RispondiElimina
  12. Rebo, noi cuori impavidi... perché le cicatrici fanno fascino! ;)

    RispondiElimina