13 febbraio 2012

La danza del Mentre.


Gli chiese ~con voce inesistente~ se fosse davvero questo quello che voleva. 
Gli sbalzi temporali sono temporali sbalzati. Ad un certo punto mi arrendo. Capita sempre sul più bello, sul limite scontato che rifiuto. 
Penso ancora ad Alekos. Se ne sta tra quelle pagine ingiallite ad aspettare che io lo faccia morire. Ma io non arrivo. Sono ferma, il libro chiuso, ed un pezzo di carta al posto dei miei occhi. Passano gli anni. Uno, due, cinque, quasi dieci. Lui resta vivo. Invece, io no. Io non sono eterna, e poi sono troppo terrena. 
Non funziono neanche tanto bene, oltretutto.
Si continua ad essere un'idea di persona ed è questo che ci rende tutti più soli. 
Gli chiese ~con aria di sfida~ se fosse davvero questo quello che desiderava. 


Il carillon ci gioca un colpo basso che fa sorridere.
Poi. Però.

14 commenti:

  1. è una bella lotta...
    l'eternità imprigionata contro chissà cosa...
    che poi il carillon necessita sempre di qualcuno che gira la manovella... sennò s'azzitta...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'eternità comporta una distanza che non ci piacerebbe, un'astrazione dell'individuo.
      Meglio non trasformare la persona in un'idea, si rischia di non riuscire più a vederla coltivando tristi solitudini non cercate.
      Ma quanto son belli i carillon?? :-)

      Elimina
  2. il colpo basso ce lo gioca davvero questo carillon ipnotico - mi "attacca" come il "Candyman" di Philip Glass(e sono 2 - 3 minuti che guardo la ballerina). Sbalzo temporale, forse si può essere lo stesso eterni nell'unità di tempo misurata. In un'altra via .. ci deve essere ...
    Many Kisses Pam Pam Pam * (si sente un Pam Pam Pam che accompagna il carillon!)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. effetto @.@ vero... e poi Goran Bregović è un grande con la sua musica.
      Si che ci sono altre vie, tante quanto quelle che desideriamo veramente Ray :-)
      Baci tanti!

      Elimina
  3. El laberinto griego...
    una donna mascherata da odalisca con abiti color cielo e corinto, questo carillon ha qualcosa di incantatore, come se questa musica entrasse nelle orecchie e cercasse di ipnotizzare. È quasi un ciclo infinito questo.
    Noi, con le nostre idiosincrasie e le nostre incoerenze viviamo di vita nostra, mutiamo, evolviamo. terrenamente incostanti..., cresciamo e paradossalmente involviamo

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non l'ho visto quel film, a dire il vero mi manca anche il libro. Mi riferivo a 'Un uomo'. Panagulis :-)
      Incostante... si, per quel mutamento e quel continuo divenire. L'incoerenza, invece, ha senso se produce uno scontro, senza quello saremmo solo delle amebe piatte fritte alla fermata del treno.

      Elimina
  4. Abbiamo un'idea d'eterno quando ciò riguarda gli altri e penso a quanta vita ho sottratto a me stessa riguardando quella altrui.
    Ipnotico, sensuale e distruttivo, come un carillon.
    (da queste parti anch'io)
    Mic

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per rendere eterno qualcuno bisogna spersonalizzarlo, preferisco la verità, con tutti i pregi e difetti del caso. E spero di non esser mai 'vista' come un'idea di Pamela.
      Naturalmente Alekos ancora vive perché io mi sono fermata proprio poco prima del suo attentato. Ma questo è altro discorso... è che non ho cuore di farlo morire!
      Bentrovata :-))

      Elimina
  5. ..come un altro tempo, in un'altra vita...
    quasi a prenderne una distanza, ma non è remoto..è tutto vicino..

    ..io non sento il carillon... ma vedo sto ancheggiare frenetico della "tipa"... altro che ipnotico, e non dico il resto..
    ;-)

    bacio grande..
    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Un altro tempo... e invece è tutto lì, a due passi.
      E ops, cambio musica, cambio post! ;-)
      baciuzzo*

      Elimina
  6. Risposte
    1. Ecco, questo potrebbe essere un ottimo titolo per il post. Ogni volta dimentico la testa, e così mi ritrovo tante parole orfane, senza titolo.

      Elimina
  7. ...perchè un tempo lo è stato davvero eterno forse solo nel colore forse solo nella distanza forse solo perchè chiassoso, chiassoso come un tuono,
    un tuono carnale....

    filakia,
    greamer

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gream che mi racconta una storia, Gream e un foglio strappato al tempo. Quei pezzetti di carta urgenti, che poi restano nella borsa perché bisognerebbe ricordare, bisognerebbe ricordare, bisognerebbe ricordare......
      :*

      Elimina