9 maggio 2012


Lei si muove piano. Esterna al quadro. Ha pensieri buoni che non considera, poiché il bene del mondo è pieno di lacrime che disconosce. 
Sentimenti teneri la tengono a bada.
Anche il giorno si muove piano. Ma solo quando lo guarda dritto negli occhi. 
Lei possiede il suo tempo, ora. Lo tiene stretto — lo tiene caro — e non concede più nulla alle ore ribelli. 

Di nuovo, il treno che attraversa la città. La metro corre veloce, ma lei sempre cammina lenta su quella strada.
C'è troppa gente sul vagone, e nessun altro mentre gira lo sguardo. Lo scomparto vuoto. E tanti ragazzi che stringono lo spazio, lo fanno piccolo, dopo una mattinata chiusa dentro l'aula scolastica. 
La sua mano è aggrappata ad un pezzo di ferro, l'altra ad una poesia di quell'angelo di Maria. Anche il piccolo libro dondola piano, insieme allo sferraglio dei binari in galleria. Una ragazza, con lo zainetto tra le braccia, tenta la lettura improvvisando un goffo movimento alle sue spalle. Lei abbassa di poco il testo. Lascia spazio all'amichevole furto. 


Ci sono attimi che restano chiusi 
in un silenzio che ci accomuna. 
Li lasciamo andare sulla curva del collo 
come fossero carezze a malapena accennate 
con il dorso della mano. Li guardiamo, 
anch'essi esterni al quadro, 
e c'è, in quell'istante,
tutta l'appartenenza che neghiamo.





11 commenti:

  1. ..attimi e molto, molto più...

    flash di una vita, la nostra, la sua o di pochi altri, un bacio grande...

    m.

    RispondiElimina
  2. CIAO - CHE PIACERE RITROVARTI - TI SEGUIVO SU SPLINDER
    BELLISSIMO POST - L'HO CONDIVISO SULLA MIA PG FACEBOOK

    CIAO

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie psicotaxi, mi regali un sorriso.
      Benritrovata*

      Elimina
  3. sembra uno scherzo giocoso detto oggi, uno dei migliori che possa capitare... possedere il tempo, santo cielo vi sembra niente ? e ci siamo passati tutto, qualcuno ancora la racconta, purtroppo qualcuno ha dovuto rinunciare in maniera coatta ... per mano vigliacca ....

    Un abbraccio Pam *

    radivivo Ray

    RispondiElimina
    Risposte
    1. è qualcosa di incredibile possedere il proprio tempo... io ora imparo le piccole cose che sanno di buono.
      Un abbraccio grande redivivo Ray***

      Elimina
  4. Faccio una felice e casuale scoperta mattutina. Una prosa attenta e disincantata, alla quale si addice la successiva poesia, essenziale nella percezione e nella negazione. In quegli attimi che scivolano come fossero carezze c'è un notevole talento poetico.
    Ciao

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ti ringrazio... per le parole, e per aver trascorso un pò della tua mattina qui, in questo luogo a cui ancora non so dar forma.
      A presto*

      Elimina
  5. Stavolta è andata meglio, Apepam, nel piacere di leggerti ti ho quasi capita. Faccio progressi. Sto trasgredendo con te: la tua scrittura, questo ibrido tra prosa e poesia è incantevole e catodico che divento immune alla mia avversione verso l'ermetico. In settimana leggo il nuovo post.

    RispondiElimina