8 novembre 2012


Ho giorni scomodi sotto le unghie, eppure non metto mai lo smalto. Un'Itaca in pieno petto, mentre il fiato si fa corto su pensieri che non vanno, non funzionano. Presa dal lato bambino mi sfugge l'affetto. Ora li aggiusto, ora ci provo, ora li riparo. Disorientata, mi osservo. La distanza di sicurezza esposta.
Come sono i vostri denti?

— piano, quasi sussurrato.
Lui è ossessionato, nell'inizio la follia. Esce dalle pagine ed io lo respingo. Un rifiuto che sale dalla pancia, una negazione necessaria. 
Invece, è sincerità. Così. Pura. La rabbia come unica reazione possibile, io.
Prima di esserci, prima di accettare il suo modo come atto d'amore disinteressato, prima di. 
La rabbia.

Ho girato una pagina di troppo. C'era lei. Proprio mentre la benevolenza seduceva ogni difesa lasciando che s'intravedesse il mio sguardo. Un tuffo bello! 
L'ho vista per sbaglio, adesso l'aspetto. E intanto assorbo una mancanza parlandole di me, quando ancora non eravamo che nomi. 
Davvero, di cosa è fatta la vostra bocca?

— grave, poi lento adagio.
Questa sono io, ferma sulla riga che non mi appartiene. Lo so che si confonde tutto, ma non percepisco possesso e dunque ogni luogo potrebbe essere il mio, il tuo, il nostro, il vostro. Il loro. 
E poi, se fossi meno dispettosa tutto sarebbe più semplice, ma come si fa? Io non credo a chi dice che non sente neanche un briciolo di gioia quando gioca. Non credo alla posa se non è opera. Non credo ai maledettismi quando sono esibiti.

e.


14 commenti:

  1. tu lo sai che io ti ascolto, vero? Anche se sono una pigra schifosa!
    (grazie)

    RispondiElimina
  2. è bellissimo Pam
    dall'incipit alla chiusa, un crescendo
    ... e come si fa a non sentire gioia quando si gioca

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Il tono quando si usa come stoffa senza saper cucire, e poi... come si fa a pungersi e non dire: "ahi!".
      (grazie*)

      Elimina
  3. "un'Itaca in pieno petto" vale il prezzo del biglietto!
    anche "non credo ai maledettismi quando sono esibiti" mi piace molto.
    Ciao cara!
    (postomenomajoco :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ...e anche il canto delle sirene! Ciao NoRupies che sa giocare e lo fa trasognato e trasognando :)

      Elimina
  4. ...come non applaudire al "non credo ai maledettismi quando sono esibiti"! Brulica di povera gente questo nostro tempo, brulica di falsi poeti, falsi cultori dell'arte e della bellezza. E molti, ormai troppi, sono i predatori appostati dietro le parole.
    un abbraccio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Gautier, che le parole si salvino! Anche da me, che non ho avuto rispetto per loro mentre ancora sono lì, ad aspettarmi.
      Un caro abbraccio

      Elimina
  5. Solo ogni tanto s'incontra il memorabile. Adesso per esempio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Per esempio, adesso ho incontrato Bellmer dentro un libro. E mi voleva bene.
      Grazie Minimo, piacere mio..

      Elimina
  6. bellissimi gli intermezzi del piano, quasi sussurrato e del grave poi lento adagio ...
    armonia...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Armonia, ritmo, melodia... ma la prima alla base (imparo l'ascolto)
      :*

      Elimina