5 aprile 2013


Forgiata è la tempra,
i cavalli insegnano
e ieri e l'oggi, un battere.
Così semplice ciò che mostro,
il mio mostro.
Se solo il tuo animale curioso
ti prendesse alle spalle —
una disattenzione che ingabbi,
e non lo sai
quanto mi son cari certi mali.

La chiave è sempre lì, sul tavolo
dove non scrivo più della mia voce.
Leggermi non basta.





4 commenti:

  1. ..mamma quanta intensità..
    malinconia struggente

    e la voce...
    sì quella tua stupenda melodiosa e carnale voce..
    un bacio...
    non basta leggerti, occorre dirsi.

    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Occorre dirsi, si.
      Non potevi esprimerlo meglio, Moni.
      Un bacio grande!

      Elimina
  2. hai creato una vera atmosfera di emozioni dolcissime, nostalgiche, profonde, che la musica scandisce piano, sulla pelle che si schiude come un fiore, come dita di un platano, protese verso il cielo e verso il suono che è la luce.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. L'esposizione, in ogni forma conosciuta.
      E non avere nulla di intentato :-)
      Ciao Carla*

      Elimina