21 settembre 2013

Caro Mr. Drape,
la sente anche lei questa aria di ghiaccio che brucia le vene?
I cari piccoli demoni legano stretti i polsi,
la voce si strozza, e le mani
tornano a scrivere.
La prego,
metta un fiore per me tra le pagine di un libro.

sono io,
Prisca.




                                                                            Gli occhi sono caverne di pietra: 
                                      più è profondo lo sguardo, più è arduo illuminare il fondo.






21 commenti:

  1. Facciamo che ci caliamo con una corda e una torcia. Sarà una bella avventura della personalità ^^

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Una speleologia che non teme confronti :)

      Elimina
  2. Sì, per raccogliere pozze di umor acqueo e frammenti di umor vitreo, al fine di ridestare il fiore, al momento opportuno.
    Con pazienza, a mio avviso, si può :)

    Ciao Pam Pam :)

    Ray

    RispondiElimina
  3. Ci vuole fantasia, chissà quale fantasia potrebbe raccontare di note dolenti e note floreali...

    Ciao Ray :)

    RispondiElimina
  4. che meraviglia...
    parole, musica che trascinano, emozionano, sono come carezze sulla pelle

    RispondiElimina
    Risposte
    1. c'è un piccolo bolero di sottofondo che non so se sia più forte nelle orecchie o negli occhi...
      ***

      Elimina
    2. .... Meraviglioso, ci sono melodie che percepisci con tutti i sensi, sono come carezze, abbracci, formicolano sotto la pelle

      Elimina
    3. lasciarsi andare è la chiave, ma pensavo:
      quante chiavi in quel lasciarsi andare...
      e poi pensavo: io non ce le ho mai avute le chiavi :/

      Elimina
    4. ^ _ ^ ci sono mote "chiavi di volta" nel lasciarsi andare
      le chiavi mancano anche a me, magari a volte varrebbe la pena munirsi, avere a portata di mano un Passepartout, oppure potremmo provare a scassinarle, hai visto .. ^ _ ^

      ******

      Elimina
    5. forse alcune porte sono chiuse perché non vogliono essere aperte... non so, quando si lascia parlare gli oggetti, le cose, a volte è così. Mi sto perdendo il filo delle parole, ma seguivo la scia :)

      *

      Elimina
    6. credo tu abbia ragione, forse le porte sono chiuse perché non vogliono essere aperte, magari è bene sia così, oppure attendere magari che i tempi siano maturi per sbirciarci, ma mi sto perdendo anche io in questo dedalo, labirinto di porte :)

      a te un abbraccio **

      Elimina
  5. ...quel fondo oscuro che chiede ascolto...

    bacio
    lu

    RispondiElimina
    Risposte
    1. e che parla, più di mille parole.
      Cara, Lu...

      Elimina
  6. Risposte
    1. la penna quando vuole bene al foglio :-)

      Elimina
  7. Scrivere, a volte, è l'unica cosa che mi mantiene in vita

    RispondiElimina
    Risposte
    1. la perfezione della solitudine per me che nell'imperfetto vivo...

      Elimina
  8. ghiaccio che brucia...
    mamma quanto è vero!!!
    ti abbraccio forte fortissimo...

    m.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. eppure la neve è buona e si fa voler bene...
      già! :-)
      abbraccio moni***

      Elimina
  9. Non ci ho capito nulla: Prisca inquieta, la si vorrebbe aiutare; la citazione è notevole; lo sventolio delle tende preoccupa, potrebbero rompere il vaso...
    Tutto bello. Non ci ho capito nulla....

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Paolo... che sa comprendere senza aver capito nulla.
      La delicatezza, come prendere una mano e stringere, un po'.
      (la citazione in realtà è solo un pensiero che ho nella testa... così. grazie)

      Elimina