3 gennaio 2014


La quiete scarna
sopra i detriti dell'alluvione
arresi, o forse più forti.

È l'ergastolo delle ore
la fantasia di una vita
agguerrita, di ossa e di carne
spolpati.

Ti è caduto un fiore, amore mio
l'elmo sulla testa ti pende sbilenco
un ventaglio biondo colma l'oro

delle tue spalle, il tuo.







9 commenti:

  1. è caduto un fiore, non ha fatto rumore.
    Come fanno i sogni, pam.
    *

    RispondiElimina
    Risposte
    1. non ci posso credere...
      che gioia, tu*

      Non so contare gli anni
      oggi ascoltavo Juliette Greco
      sogno San Pietroburgo.
      Ho perso la tua mail, aiuto.

      Elimina
  2. l'essenziale che rimane confida su quel fiore. Tanto gli dobbiamo ...
    Ciao Pam Pam :-) *
    Ray

    RispondiElimina
    Risposte
    1. confidare nei fiori e scorgerne i frutti...
      si, Ray.
      Ciao :)*

      Elimina
  3. Cara ape... quanto tempo.
    Sono felice di ritrovarti nel tuo poetico blog. Un bacio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Bentrovata Sarah...
      anche tu da splinder?
      Bacio*

      Elimina
    2. Splinder un piffero!
      ... ma tu sei...? Dì di si! :)))

      Elimina
  4. Apepam, che piacere. Risentirti, leggerti ( bei versi ) e contraccambiare auguri di serenità.

    RispondiElimina