29 ottobre 2014

Caro Mr. Drape, 
è inverno, vede? E' finito il tempo. Una donna lo sa, ancor prima di ogni uomo, perché quando è il momento di andare lo fa senza ulteriori indugi. Sono fatte così questi esseri delicati con l'anima di bambù. Le osservo con ammirazione ogni volta, Richard. Ogni volta. Ha mai notato come piegano il collo nel momento in cui comprendono? Sembra quasi un campo di granturco scosso dal vento. Un piccolo Van Gogh che sa tutto. 
Sto seguendo i suoi consigli, mein lieber. Le notti ora sono batuffoli di cotone, candide notti. Solo una cosa non cede: il treno. Il treno che attraversa le mie ossa continua il suo viaggio. Le uniche stazioni che conosce sono la mattina ed il primo pomeriggio. Può immaginare cosa sarà il solstizio d'inverno? No, forse no. Se solo... dovrebbe vederlo! Quelle storie, quell'orrore, e quella bellezza che prende in pieno petto fino a togliere il fiato. Non mi chieda di riprendere a scrivere il quaderno, la prego. 
Stamattina ho letto una poesia meravigliosa. Me l'ha spedita un professore che ama la letteratura. Non parliamo la stessa lingua, così imparo la poesia dalla poesia in differenti lingue. E' bello che ci sia ancora chi crede negli unicorni. Senza pregiudizi. Senza paura. E' commovente.
Mr. Drape, non posso abbandonare la scrittura. Ecco, ora lo sa. C'è di nuovo quella parete da scalare. Lei è più vicino di me al fallimento. Ma non si allarmi! Per favore...
Si è sempre soli, quando si scrive, ed ogni sole possiede raggi di luce che incantano. 

Accludo un foglio. E' Mascha Kaléko.

Sempre sua,
Prisca.





Rassegnazione per principianti 
di Mascha Kaléko.

Tu non cercare nulla. Non c'è niente da trovare,
Niente da capire. Accontentati.
Quando verrà il loro tempo fioriranno i tigli
Sopra la tomba scavata di fresco.

Quando verrà il suo tempo si dissiperà il buio,
Scintillerà la luce rinata.
Niente è concluso, tutto continua.
E tu sarai allegro. O forse no.

Tra sparire e ricominciare
L'impossibile accade.
Come e perché non è stato svelato.
Suona nuova al principiante l'antichissima melodia.

Per cercare il senso profondo, non sprofondare.
Tu non cercare. Così lo troverai.


1 ottobre 2014

Da una rara corrispondenza, 88 parti — quarta costellazione.


Ottobre è una fiaba nascosta
nel cielo, dove il giorno e la notte sono
un'unica cosa.
Non una via brilla nella volta, solo
lucciole che misurano distanze —
Cefeidi, piccole stelle pulsanti.

Ottobre è un viso offerto
all'autunno dell'abbraccio, arrossendo
di foglie che non sanno di volare.
E' una donna, che sogna le Pleiadi
alle porte di un inverno, cuore
degli occhi di Aldebaran.