8 aprile 2015

Da una rara corrispondenza, 88 parti — quinta costellazione.


Mi è concesso
di conoscere la tua fame
che ti si pianta in petto e germoglia
officinale.

Mi è concesso
di osservare il raccolto
le labbra secche e qualche bocca
di uccellino da nido.

Mi è concesso
e non disdegno — sia testimone per me la cura!
Eppure, ogni moneta gettata nel pozzo voleva
sapere del tuo nutrimento.

*

Lo vedi
come ci illumina la Miaplacidus
quieta acqua che dipinge
la tela celeste delle nostre bocche.




8 commenti:

  1. a volte piccole apette ritornano, pare ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. un segreto: le piccole apette sono come la gramigna, shhh... :-)

      Elimina
    2. verdine tipo raganella :)

      Elimina
  2. Tu, dolce Pam, sei la costellazione di te stessa.
    E non c'è dono più prezioso.

    Una carezza,
    Black

    Ps: trovo pace ogni volta che vengo qui.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Black, una carezza a te. Sono contenta che questo luogo ti doni un po' di pace, ce n'è così bisogno... ed il desiderio non basta mai.
      Un abbraccio*

      Elimina
  3. lo vedi come ci illumini Te...:)***
    felice che mi sia concesso di leggerti, ascoltarti, che le tue pagine mi regalino sempre un'emozione

    un abbraccio ***

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Oh no, io non so nulla! :) albafucens... grazie, che mi racconti cosa accade dall'altra parte, che mi regali la tua emozione...
      Abbraccio***

      Elimina