25 luglio 2015


20 luglio // il mattino

Una merla che frequenta il giardino
oggi mi porta notizie di te.

Le primavere ti fanno piccola e
mi sfili dalla coda senza chiedere.

Stupidamente tengo il conto
scrivo a matita: sono tre.

Cosa te ne fai di questo giorno
adesso che ti regalo fiori a maggio?


*

20 luglio // il pomeriggio

Leggo le poesie di Patrizia Cavalli, scalza
l’estate mi prevarica
confonde le stagioni.

Fuori è tutto bianco
anche il cielo si è coperto —
le nuvole sono mani su certi universi.

Se non avessi questi pensieri tristi
te ne regalerei uno, così
perché ti colga impreparato.




6 commenti:

  1. il merlo ricambia il saluto!:-)

    leggere la poesia degli altri fa bene ...
    ciao apina, è un brulicare di cicale, questa estate radiosa ...

    RispondiElimina
  2. Carla :-)
    Sì. È un sentiero, tortuoso nel caso della Cavalli, che offre sempre angoli inaspettati e belli.
    Buon ferragosto****
    Pam

    RispondiElimina
  3. La luce piove copiosa dai miei occhi ogni volta che torno qui fra le tue pagine. Cara, meravigliosa, adorabile Pam.
    Un caro abbraccio
    Gautier

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Caro Gautier, è sempre bello ritrovarti qui...
      Dimmi che stai bene!
      Un abbraccio, sempre.

      Elimina
  4. Sto bene Pam mia cara, e venire qui a trovarti mi da sollievo e mi rassicura sul fatto che anche tu stia bene. Sono trascorsi anni, credo dieci e forse più ma, credimi, ti tengo sempre e immutabilmente in un angolo speciale del mio cuore...

    RispondiElimina