10 febbraio 2017

Tu muori non intero
se la parola sgorga
a fiotti dal mio seno
acerbo d'uva fra
gola la tua bocca
aprimi
non vedi?
Inverna il mosto d'oro
se trema è nell'incanto.

*

Dimmelo ancora
il bianco
neve guancia rivolta
la zolla al passaggio
era un sogno
mia terra
e la voce, tu
impastavi di gigli.




Nessun commento:

Posta un commento